DREAM

DREAM, l’arte incontra il sogno

Con DREAM, l’arte incontra il sogno, si completa la trilogia di mostre iniziata con Love e proseguita con Enjoy presso il complesso rinascimentale del Chiostro del Bramante, uno dei luoghi più belli di Roma.

DREAM

Tra opere originali e installazioni site-specific, il Chiostro del Bramante ci offre un’altra emozionante esperienza affrontando il mondo dell’onirico. Un mondo, quello dei sogni, che fa parte delle nostre vite e della nostra quotidianità. Chi può dire infatti di non avere sogni o di non aver mai sognato?

DREAM
Queste due sculture monumentali con gli occhi chiusi accolgono i visitatori nel mondo dei sogni

Ci sono i sogni che si fanno ad occhi aperti, quelli che rispecchiano le nostre speranze o che rappresentano pure utopie.

Ci sono i sogni che facciamo mentre dormiamo e che hanno radici profonde nel nostro inconscio.

Ci sono i sogni nel cassetto, quei desideri che ci prefiggiamo di realizzare prima o poi.

Luigi Ontani, “Heliondimio”, 1987

Ci sono anche i sogni che ci spaventano, fino a diventare veri e propri incubi che rivelano le nostre paure più recondite.

DREAM
Christian Boltanski, “Le theatre d’Ombres”, 1985-1990

 

E poi ci sono  quei sogni che disorientano, quelli che stupiscono,  quelli a cui abbandonarsi, quelli che  trasportano verso un’altra dimensione…. quanti aspetti possono avere i sogni? Sicuramente molti, e DREAM è una mostra che si propone non solo di mostrarceli, ma anche di farci riconnettere con la parte più segreta del nostro animo.

DREAM è un viaggio all’interno di noi stessi, un viaggio del tutto personale attraverso tutte le sfumature del sogno, in grado di risvegliare emozioni e stati d’animo diversi.

E  in questo viaggio il visitatore è accompagnato da una insolita audioguida, inclusa nel prezzo del biglietto, con le voci del sogno. Ispirandosi alle opere esposte, lo scrittore e regista Ivan Cotroneo ha realizzato 14 racconti, ognuno interpretato dalla voce di grandi attori italiani. Le voci del sogno amplificano le emozioni suscitate dalle opere, stimolando la fantasia del visitatore e rendendo ancora più suggestiva l’atmosfera onirica.

DREAM
Ryoji Ikeda, “Data.tron”,2011

 

Il Chiostro del Bramante è aperto tutti i giorni con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 20:00, il sabato e la domenica dalle 10:00 alle 21:00 (la biglietteria chiude però un’ora prima). Il costo del biglietto è di 14 euro.

DREAM
Chiostro del Bramante

DREAM, l’arte incontra il sogno vi aspetta fino al 5 Maggio 2019 e non dimenticate di scrivere il vostro sogno su un post-it da appiccicare alla parete dei sognatori. Perchè di sognare non si smette mai!

DREAM

ENJOY

ENJOY, l’arte incontra il divertimento

Dopo il grande successo di Love, l’arte incontra l’amore, il Chiostro del Bramante fa di nuovo centro con ENJOY, l’arte incontra il divertimento.

ENJOY
ENJOY, l’arte incontra il divertimento

Questa volta, la mostra è dedicata al divertimento e precisamente al senso etimologico della parola, dal latino de-vertere: volgere altrove. L’intento quindi di questa nuova esposizione è quello di considerare l’arte una distrazione, un mezzo quasi per percorrere altre strade, gettarsi fuori di sè, oltrepassarsi.  Le opere in mostra permettono di fruire attivamente dell’arte, entrarci dentro, giocarci e viverla.

IogiroeRigiro
After the gathering, Hans Op De Beeck

Per poter meglio raggiungere questo scopo, molte installazioni sono site-specific, cioè pensate e realizzate esclusivamente per gli spazi del Chiostro del Bramante. In questo modo, le opere sono perfettamente inserite nel contesto dello spazio espositivo e le nostre percezioni sono continuamente stimolate e ribaltate. Qui ve ne mostrerò solo alcune…. quelle che mi sono particolarmente piaciute.

ENJOY
Il Chiostro, Michael Lin

Il Chiostro è ridisegnato da Michael Lin, un artista taiwanese. Avvalendosi della collaborazione degli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Roma, Lin trasforma l’architettura rinascimentale del Chiostro in un coloratissimo giardino floreale. Il visitatore può camminare e  sedersi direttamente sull’opera, come farebbe con un giardino vero! ENJOY THE CHIOSTRO!

ENJOY
Come in un giardito fiorito!
ENJOY
Le sculture meccaniche di Jean Tinguely

Le sculture dello svizzero  J. Tinguely sono state realizzate negli anni ’60. Hanno ingranaggi elaborati che vengono azionati da un motore che entra in funzione quando il visitatore pigia un pedale sul pavimento. ENJOY THE REACTION: schiacciate il pedale e state a guardare!

ENJOY
Altre sculture di Jean Tinguely
ENJOY
Mickey dei Sogni, Studio 65

Ritrovate il coraggio di tornare bambini arrampicandovi sulla poltrona gigante a pois di Topolino… quanto ci sembravano più grandi gli oggetti e i luoghi quando li guardavamo con gli occhi da bambini? ENJOY YOUR CHILDHOOD!

ENJOY
WORK NO.1584, half the air in a given space, Martin Creed

Martin Creed ci invita a “stare al gioco” all’interno di questa sala riempita per metà di palloncini rossi. Con questo escamotage ludico, l’artista riesce a rappresentare un elemento invisibile come l’aria e a trasformarla in una “scultura”. JUST ENJOY: tuffatevi in un mare di palloncini!

ENJOY
WORK NO.1584, HALF THE AIR IN A GIVEN SPACE, Martin Creed
ENJOY
Flowers and People-Dark, TEAMLAB

Il collettivo giapponese TEAMLAB è in mostra per la prima volta in Italia con l’opera Flowers and People-Dark. E’ l’evoluzione digitale di un dipinto, un vero e proprio quadro in movimento. La presenza dello spettatore qui è fondamentale. Infatti è proprio l’interazione con la vicinanza del visitatore a provocare un’accelerazione continua dell’opera, facendo germogliare, crescere e poi appassire i fiori che sono rappresentati sullo schermo. La quantità di fiori varia in base alla quantità di persone nella sala. Qui l’arte non è semplice gioco, ma un’esperienza interattiva quasi onirica.

ENJOY
Wall drawing, Michael Lin

La parete destra che affianca le scale per salire al piano superiore è stata decorata da Michael Lin appositamente per questa mostra, come per il Chiostro. Tornano le sue suggestioni orientali con quest’opera che evoca un disegno tipico della tradizione tessile. Mentre salite le scale, vi accompagnerà una continua e coinvolgente  risata.

ENJOY
Obscura, Tony Oursler

Obscura, di Tony Oursler è un’installazione di video-arte ripensata dall’artista proprio per gli spazi del Chiostro. Questi occhi in continuo movimento rappresentano il nostro perenne bisogno di consumare immagini. Dovendo muoversi all’interno dell’installazione stessa, lo spettatore è messo in condizione di cambiare il proprio punto di vista e di conseguenza anche la propria percezione dell’opera. Un po’ inquietante per me, comunque…. ENJOY THE GAZE!

ENJOY
Obscura + Prisma meccanico

L’installazione che mi ha più colpita è quella di Leandro Erlich, Changing Rooms. La nostra percezione del reale è messa a dura prova da questa opera labirintica, dove si susseguono all’infinito file di camerini in cui non si capisce quali pareti siano occupate da specchi e quali no. L’artista ci attira dentro l’opera, invitandoci a oltrepassare lo specchio, attraversando il confine tra realtà e finzione. Il labirinto della vita è quindi rappresentato mediante uno scherzo ottico che invita al gioco e diverte. ENJOY THE FUTURE!

ENJOY
Changing Rooms, Leandro Erlich
ENJOY
Verso l’uscita….

La mostra sarà visitabile fino al 25 Febbraio 2018. Per informazioni sugli orari e il costo  dei biglietti consultate il sito del Chiostro del Bramante. 

Ricordatevi di prendere all’entrata le audioguide… si possono scegliere tra quattro diversi approcci alla mostra, a seconda dell’età che vi sentite di avere in quel momento: bambino, adolescente, adulto e anziano. E voi con quali occhi vi lascerete condurre attraverso i meandri dell’arte?

ENJOY
Enjoy anything!