Klimt Experience

Che Roma sia una meta straordinaria non è certo una rivelazione originale. Anche per i suoi abitanti è una continua scoperta. La ricchezza del suo patrimonio artistico, storico e culturale è  incalcolabile  e quindi per visitarla e conoscerla bene occorre davvero molto tempo. Fino al 10 Giugno c’è qualcosa in più che vale la pena visitare:  una  mostra dedicata a  Gustav Klimt. 

Klimt

Il padre della secessione viennese è protagonista di  “Klimt Experience”, al Complesso Monumentale di S. Giovanni Addolorata, in Piazza S. Giovanni in Laterano.

Klimt

Non si tratta di una mostra tradizionale, dove si possono ammirare opere originali prestate dai più grandi musei del mondo. Qui i quadri non sono direttamente esposti, ma vengono offerti al visitatore attraverso un percorso multimediale. Questo percorso favorisce una vera e propria immersione nel mondo artistico di Klimt. Come già sperimentato precedentemente per Van Gogh Alive, questa mostra digitale mira a raggiungere un pubblico  più ampio, con l’intento di far avvicinare all’arte i giovanissimi, che spesso frequentano malvolentieri i musei.

Nella prima sala espositiva ci sono diversi monitor ad alta definizione, che forniscono notizie biografiche dell’artista, oltre a mostrare alcune delle sue opere principali contestualizzandole al periodo storico.

Il centro della mostra è la spettacolare Sala Visual, un enorme schermo a 360°. Sedetevi sui grandi cubi posti al centro e godetevi lo spettacolo! Accompagnate da un meraviglioso crescendo musicale, le immagini vengono proiettate tutte intorno al visitatore.

Klimt
Giuditta I
Klimt
Girasole
Klimt
Viale nel Parco dello Schloss Kammer

Protagonista iniziale è il contesto storico e culturale  in cui Klimt visse e quella Vienna  che arricchì con la sua produzione artistica.

Klimt
I luoghi di Klimt a Vienna
Klimt
L’Opera

Klimt

Ogni opera  viene mostrata per intero e nel frattempo scomposta in tanti piccoli particolari, per meglio apprezzarne ogni singola decorazione.

Klimt
Giuditta II
Klimt
Giuditta II, particolare
Klimt
La Speranza II, particolare
Klimt
La Speranza II, particolare
Klimt
La Vita e la Morte, particolare
Klimt
Adamo ed Eva, particolare
Klimt
Pallade Atena, il simbolo della Secessione Viennese

Klimt

Come in un sogno, lo spettatore viene abbracciato dalle note, dalla musica, dai fiori, dall’oro, dai corpi e dai volti intensi e sensuali delle donne che amava ritrarre.

Klimt
Ritratto di Johanna Staude
Kilmt
Ritratto di Adele Bloch-Bauer
Klimt
Danae
Klimt
Le tre età della donna
Klimt
Medicina

Dalle decorazioni di soffitti e pareti del Burgtheater e del Kunsthistorisches Museum di Vienna, passando per il Fregio di Beethoven, L’albero della vita, Danae, Giuditta I e II, Le tre età della donna, L’abbraccio, il celebre Il bacio, i numerosi ritratti e paesaggi, l’arte klimtiana è raccolta in un insieme che sarebbe impossibile ammirare dal vivo in un unico spazio espositivo.

Si passa poi alla Sala degli Specchi, dove le immagini dei dipinti di Klimt si susseguono riflesse ovunque: sulle pareti, sul soffitto e anche sul pavimento. Entrare in questa sala è come attraversare lo specchio: ci si ritrova dentro l’opera e si diventa un elemento del mondo onirico e simbolico del grande pittore austriaco.

Klimt
Sala degli Specchi
Klimt
Sala degli Specchi, Giuditta I
Klimt
Sala degli Specchi, io e Giuditta I
Klimt
Sala degli Specchi, Il Bacio
Klimt
Sala degli Specchi, ritratto di Fritza Riedler
Klimt
Sala degli Specchi, Alberi di Mele

Prima di uscire, non mancate di provare gli Oculus VR! Una vera esperienza di realtà virtuale che permette di entrare dentro quattro quadri di Klimt, percependo in modo tridimensionale ogni dettaglio cromatico e figurativo. Davvero innovativo e coinvolgente!

So che intorno a  esposizioni di questo genere molti storcono il naso. L’obiezione che viene posta è che trovarsi realmente di fronte ad un’opera d’arte sia ben altra cosa. Naturalmente sono d’accordo. Quando ho visitato  Palazzo Belvedere a Vienna mi sono trovata a pochi centimetri da capolavori come Il Bacio, ed ho potuto  apprezzarne ogni singola pennellata.  E’ stata ovviamente una grande emozione e qualcosa di memorabile per me. Ma non sempre si ha la possibilità concreta di  andare in giro per il mondo ad ammirare questi capolavori, ahimè!

Quindi dal mio punto di vista, ben vengano queste iniziative! Grazie a queste, infatti, possiamo permetterci tutti una full immersion nell’arte e può approcciarvi anche chi ancora non conosce certi artisti o tematiche.

Per avere indicazioni sul luogo della mostra cliccate qui, mentre per i costi dei biglietti d’ingresso, eventuali sconti e orari di apertura potete consultare il sito ufficiale dell’evento.

Annunci

Ti sono stata utile?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.