Cracovia, la capitale culturale polacca

Siete in cerca di una meta low-cost, ma ricca di fascino? Cracovia è la destinazione giusta per voi!

Cracovia
Maly Rynek

Si trovano moltissimi voli a prezzi ragionevoli (provate con Skyscanner), e l’offerta alberghiera è tra le più economiche in Europa. Ci sono ristoranti un po’ per tutte le tasche, ma con costi decisamente più bassi rispetto a quelli italiani. In più la cucina è davvero ottima. Non c’è da stupirsi se i turisti accorrono sempre più numerosi a visitarla. Ma non sono attratti  solo dai prezzi economici. Cracovia infatti è una città ricca di storia, scrigno di un vero e proprio tesoro artistico e architettonico. E’ la capitale culturale polacca, con i suoi numerosi musei, le gallerie d’arte e la sua università, tra le  più antiche d’Europa.

Cracovia
Stare Miasto, il centro storico

Inoltre,  molti devoti di Papa Giovanni Paolo II giungono a Cracovia per ripercorrerne i passi. Proprio qui infatti Karol Wojtyla, che sarebbe diventato poi il primo Papa polacco, studiò, lavorò e operò come vescovo.

Cracovia
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Cracovia
Maly Rynek
Cracovia
Maly Rynek

Per raggiungere il centro città dall’aeroporto ci vogliono circa 20/25 minuti. Essendo arrivata di sera, ho preferito affidarmi ad un servizio navetta privato che mi ha portato direttamente in hotel. Il trasferimento è costato circa 20 euro  (piuttosto conveniente, visto che eravamo in tre), e l’ho prenotato tramite Booking, così come l’hotel Mikolaj.

Cracovia
Maly Rynek, vicino l’hotel Mikolaj

L’hotel ha una posizione fantastica per visitare Cracovia, si possono raggiungere facilmente a piedi tutti i siti d’interesse e in più nei dintorni ci sono molti ristoranti e pub.

Cracovia
Il ristorante Pod Aniolami

Il ristorante in cui ho cenato, dopo aver lasciato i bagagli in hotel, si chiama Pod Aniolami (Sotto gli Angeli). Gli arredi interni sono del 13° secolo, e vi viene servita una  cucina tradizionale polacca. E’ il posto giusto per provare i famosi Pierogi: una sorta di agnolotti bolliti o saltati con vari ripieni tra cui scegliere.

Cracovia
I gustosissimi Pierogi

Il conto è un po’ più caro della media dei ristoranti di Cracovia. Ma nonostante questo è super gettonato e la prenotazione è quasi obbligatoria, se si vuole essere sicuri di trovare un tavolo. In effetti, oltre alla location strepitosa, il cibo è buonissimo, così come il vino e la vodka che vi offriranno a fine pasto.

Cracovia
Dettagli del ristorante Pod Aniolami

Cracovia ha origini antichissime e una storia un po’ travagliata. I primi insediamenti pare risalgano addirittura all’età del Ferro. Una leggenda molto famosa, vuole che la città sia stata fondata dal mitologico re Krak sopra la collina di Wawel, nelle cui caverne viveva il mitico drago Smok Wawelski.

Cracovia
La collina di Wawel e il castello

Questo drago terrorizzava la popolazione, distruggendo sistematicamente tutto ciò che incontrava. Il re, volendo mettere fine a questa storia, promise metà del suo regno e sua figlia in sposa a chi fosse riuscito a sconfiggere il drago. Molti cavalieri giunsero in città per cimentarsi con il drago, ma nessuno riuscì a liberare la città da questo flagello. Quando ormai si erano perse le speranze, si fece avanti un povero ciabattino, che chiese solo di poter avere delle pelli di pecora e dello zolfo. Il ciabattino cucì insieme le pelli di pecora, le riempì di zolfo e le  lasciò all’entrata della caverna del drago. Come aveva previsto, il drago divorò tutto e poco  dopo fu preso da un gran bruciore di stomaco. Nel tentativo di placarlo, il drago bevve moltissima acqua del vicino fiume Vistola, finchè la sua pancia non si gonfiò così tanto che scoppiò.

Con la morte del drago, il ciabattino sposò la figlia del re, ottenne la metà del regno e finalmente gli abitanti di Cracovia trovarono la serenità.

Questa è solo una delle tante leggende che si raccontano qui a Cracovia, e che potrebbero catturare l’interesse dei bimbi, se viaggiate con i vostri figli. Tenete presente che sono così tante, che nei negozi di souvenir si trovano raccolte di leggende in tutte le lingue!

Un’altra leggenda famosa è quella del trombettiere di vedetta sulla torre della basilica Mariacki.  Nel 1241, per allertare la città dell’imminente attacco dei Tartari, suonò ininterrottamente finchè non fu trafitto alla gola da una freccia. Il suo sacrificio non fu vano, perchè i Tartari non riuscirono ad espugnare la città.

Cracovia
L’imponente facciata della basilica Mariacki: il trombettiere suona affacciandosi dalla torre più alta

In memoria di questo gesto eroico, ogni ora un moderno trombettiere si affaccia dalla torre più alta della basilica Mariacki, suonando la stessa melodia. Questa melodia, detta hejnal, si interrompe bruscamente nel punto in cui l’eroico trombettiere smise di suonarla.

Il trombettiere suona rivolgendosi dapprima verso il castello di Wawel, in omaggio al re; poi  verso la Torre del Municipio, per rispetto alle autorità cittadine; quindi verso la Porta Florianska, come benvenuto per i forestieri, e per ultimo suona verso  Plac Mariacki per tutta la popolazione.

Cracovia
Rynek Glowny e il Mercato dei Tessuti all’alba

Il centro storico di Cracovia (Stare Miasto), nominato dall’Unesco patrimonio dell’Umanità, è tutto raccolto intorno alla sua piazza principale, Rynek Glowny.

Cracovia
Rynek Glowny e la basilica Mariacki

E’ di fatto il centro gravitazionale di tutta la città ed è la piazza medievale meglio conservata e più grande d’Europa (almeno a detta dei polacchi!). Sulla piazza si affacciano la basilica Mariacki e il bellissimo palazzo Sukiennice.

Cracovia
Il Mercato dei Tessuti
Cracovia
La facciata posteriore del Mercato dei Tessuti
Cracovia
Il Mercato dei Tessuti

Il palazzo Sukiennice, costruito nel 14° secolo, era la sede del famoso Mercato dei Tessuti. Nel 1555 fu ricostruito in seguito ad un terribile incendio. E’ considerato il centro commerciale più antico del mondo.

Cracovia
Il lato corto del Mercato dei Tessuti

Ancora oggi al suo interno si trova un mercatino, dove si possono acquistare souvenir di vario genere. All’esterno ci sono diversi locali (molto turistici) con i tavoli all’aperto, da dove ammirare la piazza intera e la basilica Mariacki. 

Cracovia
Sotto i portici del Mercato dei Tessuti
Cracovia
I portici del Mercato dei Tessuti

L’imponente basilica Mariacki fu eretta nel 13° secolo, sulle fondamenta di una precedente chiesa romanica. Dopo la cattedrale di Wawel, è la chiesa più importante di Cracovia. La sua facciata gotica  è caratterizzata da due torri di altezze diverse. Dalle finestre della torre di sinistra si affaccia il famoso trombettiere che suona l’hejnal.

Cracovia
La basilica Mariacki
Cracovia
La basilica Mariacki con la luce del primo mattino

Girare per questa piazza, con questi edifici così antichi, dà l’impressione quasi di trovarsi sospesi nel tempo. Tutto è pulito, rilassato, perfettamente a misura d’uomo. Non ci sono auto, clacson, rumori fastidiosi o schiamazzi. Se volete immergervi completamente in un’altra epoca, fate un giro per il centro storico con una delle meravigliose carrozze che stazionano qui. Lo so… è una cosa terribilmente turistica ma, se avessi avuto il tempo, avrei adorato farlo! … specialmente quando ho visto che le persone all’interno della carrozza si godevano il giro con un bel calice di vino rosso tra le mani!

Cracovia
Carrozze in attesa di turisti da portare in giro per il centro storico

Cracovia

Da Rynek Glowny parte una delle strade più note di Cracovia: Ulica Florianska.

Cracovia
La via Florianska all’alba
Cracovia
Gironzolando in Ulica Florianska

In questa bella via piena di negozi, ristoranti e caffè, ci sono molti carrettini che vendono gli obwarzanki, ciambelle di pasta di pane buonissime, ideali per uno spuntino veloce (1,60 zloty).  Percorrendo questa strada si arriva fino alla Porta Florianska.

Cracovia
Porta Florianska
Tele esposte alla porta Florianska

Questa porta è l’ultima rimasta delle otto che anticamente davano accesso alla città. Qui è nata una galleria d’arte a cielo aperto, con tanti pittori che espongono le loro opere. Alle spalle della Porta Florianska, c’ è la struttura difensiva del Barbakan. 

Cracovia
Barbakan

Il Barbakan, dalla caratteristica forma circolare, era posizionato tra due fossati e assolse talmente bene la sua funzione, da non permettere a nessun invasore di varcare la Porta Florianska e da resistere anche all’abbattimento delle mura da parte degli austriaci nel 1800!

Dalla piazza Rynek Glowny, dirigendosi verso il fiume Vistola, si arriva ad uno dei simboli della città di Cracovia: il Castello di Wawel.

Cracovia
Il castello di Wawel

 All’interno delle mura del castello c’è anche la cattedrale di Wawel. Qui furono incoronati tutti i re polacchi, anche dopo che la capitale del regno fu spostata a Varsavia nel 1609. Nel Castello di Wawel  è stata esposta per lungo tempo una delle opere più celebri di Leonardo da Vinci: “La dama con l’ermellino”. Da Maggio 2017 la tela è stata spostata nel Museo Nazionale di Cracovia. Se desiderate ammirarla, cliccate qui per conoscere gli orari del Museo e il costo dei biglietti.

Cracovia
Il Castello di Wawel e i fili dei tram

Oltre al quartiere Stare Miasto, merita una visita il quartiere ebraico Kazimierz. Il  nome si deve a Casimiro III di Polonia che lo fondò nel 1335. Tra le sue piazzette, le sue strade e i suoi vicoli, ci sono numerosi locali, ristoranti e birrerie, ma anche molte piccole gallerie d’arte.

Cracovia
Street art nel quartiere ebraico di Kazimierz
Cracovia
Murales nel quartiere Kazimierz

Se passeggiando per il quartiere doveste provare un senso di familiarità, sappiate che  molte scene del film “Schindler’s List”, di Steven Spielberg, sono state girate proprio qui. Del resto la vera fabbrica di Schindler è poco lontana, ed è diventata uno dei musei più visitati di Cracovia.

Il centro di Kazimierz è la piazzetta Szeroka, dove un tempo si affacciavano quattro sinagoghe. Su un lato della piazza c’è una panchina con la statua dell’eroe polacco Jan Karski. In questa piazzetta abbiamo cenato al ristorante Chajim Kohan. Mi sento di consigliarvelo per il cibo ottimo e per le porzioni più che generose (hummus top!), ma soprattutto per lo stile del locale. Sembra quasi di entrare nella bottega di un rigattiere, con oggetti vecchissimi in mostra, tavoli e sedie di riuso e tutto al lume di candela!

Cracovia
L’esterno del ristorante con insegne vintage

Sempre in Kazimierz, vi segnalo due soste top. La prima è il locale Singer, in ulica Izaaka. Qui i tavoli sono delle vecchie macchine da cucire Singer e tutto l’interno è arredato in stile retrò, che gli conferisce un’atmosfera intima e accogliente. Io ci sono stata di mattina per bere una cioccolata calda e riprendermi un po’ dal freddo. Se ci andate di sera sappiate che il locale si trasforma e si balla ovunque, anche sui tavoli.

Cracovia
I tavoli esterni del “Singer”
Cracovia
Cappuccino e ciccolata calda ai tavoli del “Singer”

La seconda sosta che dovete fare in Kazimierz è in Plac Nowy, dove dovete assolutamente mangiare una delle pietanze più popolari di Cracovia: lo zapiekanka. Si tratta di uno sfilatino tagliato a metà sul lato lungo, grigliato e servito con funghi e formaggio filante nella versione classica. Compratelo nel grande chiosco circolare in mezzo alla piazza.   Gli ingredienti tra cui scegliere sono davvero tanti, scegliete la vostra variante preferita. Il costo varia tra 4 e 9 zloty, la moneta polacca (pln). Considerate che 4 zloty corrispondono all’incirca a 1 Euro, e  che con uno zapiekanka si può tranquillamente pranzare. Praticamente il pranzo più economico e gustoso che abbia mai fatto!

Cracovia
Zapiekanka con funghi e formaggio fuso
Cracovia
Bric-a-brac in Plac Nowy

Continuando a camminare, mi sono diretta verso uno dei luoghi più suggestivi di Cracovia: Piazza degli Eroi del Ghetto, nel quartiere Podgorze. 

Cracovia
Piazza degli Eroi del Ghetto

Vi consiglio di arrivarci attraversando il fiume Vistola sul ponte pedonale Laetus Bernatek, dove sono mosse dal vento fantastiche figure di artisti acrobati.

Cracovia
Il ponte Laetus Bernatek

La Piazza degli Eroi del Ghetto è un luogo della memoria. Questa piazza era il centro dell’area di 600×400 metri in cui i nazisti stiparono i 15000 ebrei di Cracovia  nel 1941. Due artisti polacchi hanno sparso per la piazza 70 sedie in ferro, ispirandosi ad una foto d’epoca. In questa fotografia era ritratta una bambina che trascinava la sua sedia di scuola, durante lo spostamento in massa degli ebrei da Kazimierz al ghetto nazista.

Cracovia
Piazza degli Eroi del Ghetto
Cracovia
Piazza degli Eroi del Ghetto

Tutte queste sedie vuote, battute dal vento, in questa piazza relativamente anonima, mi hanno lasciato un senso di profonda tristezza per la sorte terribile  di tante persone innocenti. Non si può restare indifferenti, ma soprattutto bisogna mantenere viva la memoria, perchè simili follie non debbano accadere mai più.

Cracovia
Maly Rinek prima di ripartire….

Da Cracovia partono due escursioni assolutamente da fare: una per la miniera di sale Wieliczka, e una per Auschwitz-Birkenau, entrambi siti Unesco. Non lasciate Cracovia senza averle viste!

Cracovia
Auschwitz II-Birkenau
Cracovia
Le incredibili sculture di sale della miniera Wieliczka

Dovendo ottimizzare i tempi, io le ho fatte tutte e due nella stessa giornata. Se avete più tempo a disposizione, fatele in due giorni diversi, perchè sono comunque un po’ stancanti, fisicamente ed emotivamente. Si possono tranquillamente prenotare online dall’Italia. Se lo fate con un po’ di anticipo avrete più possibilità di trovare le guide in italiano. Il costo di ogni escursione si aggira sui 35 Euro, dipende dal cambio e dall’agenzia con cui prenotate. Io mi sono rivolta alla Cracow City Tours. Le guide sono gentili, simpatiche e molto preparate, gli autobus moderni, e il servizio preciso e puntuale.

Di queste due escursioni vi parlerò comunque nei prossimi post, che sto già scrivendo… stay tuned!

Vi lascio intanto con qualche foto di Cracovia by night… a presto!

Cracovia
Ryenk Glowny by night
Cracovia
La Via Reale, con il ristorante Pod Aniolami sulla sinistra
Cracovia
Porta Florianska
Cracovia
Chiesa dei SS.Pietro e Paolo
Cracovia
La basilica Mariacki
Cracovia
Le carrozze di fronte al Mercato dei Tessuti
Cracovia
Maly Rynek deserta di notte

 

Altri articoli che potrebbero interessarti

  • Bruges, la “Venezia del Nord”Bruges, la “Venezia del Nord”Se c'è un posto che porterò per sempre nel cuore, questo è Bruges, o come si dice in nederlandese Brugge , in Belgio. È una piccola cittadina medioevale, perfettamente conservata, a […]
  • Budapest, una vera rivelazioneBudapest, una vera rivelazioneBudapest è stata davvero una meravigliosa scoperta per me. Sono partita sapendo che avrei trovato una città dal fasto imperiale, ma non credevo mi avrebbe affascinato tanto. Non è un caso […]
  • Vienna, città imperialeVienna, città imperialeSono sempre stata del parere che le cose non programmate, non previste e capitate all'improvviso siano le migliori... quelle che non possono deludere le nostre aspettative e che poi ci […]
Annunci

4 thoughts on “Cracovia, la capitale culturale polacca

  1. Sempre tutti belli i tuoi articoli…..però questo in particolare mi ha lasciato emozioni contrastanti da una parte la serenita e bellezza “fiabbesca” della città e dall’altra l’enorme tristezza e sofferenza x tutti gli innocenti che persero le loro vite..!!!ne deduco che sia una città che lascia il segno….!!

    1. Si è proprio così….. specialmente quando poi ci si reca poco distante a visitare i campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau…

Ti sono stata utile?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.